Carissimi, ben trovati a tutti!


come ormai sapete con la festa di S. Francesco diamo inizio ufficialmente al nostro Anno Pastorale, ovvero quella serie di attività che ci permettono di dare una fisionomia al nostro essere Comunità e Comunità in cammino: dal catechismo dei ragazzi  alle attività caritative, dall’animazione liturgica  alla contemplazione silenziosa del mistero di Dio attraverso l’Adorazione Eucaristica settimanale, dalla vitalità contagiosa dei vari Gruppi e Movimenti alla formazione spirituale delle famiglie,  dal lavoro prezioso dei vari uffici amministrativi alla cura della chiesa… Una serie, dunque, di avvenimenti che hanno tutti il medesimo fine: farci conoscere meglio chi è questo personaggio straordinario di nome Gesù che, rendendoci suoi amici, ci apre alla comunione tra noi.
Anche quest’anno le cose da vivere sono tante, ne segnalo solo alcune:  ripeteremo l’esperienza della Novena di Natale itinerante e delle Stazioni Quaresimali itineranti, cioè all’interno dei cortili condominiali del nostro territorio;  con l’aiuto della Caritas e degli altri organismi caritativi e del vostro, è mio desiderio aprire una mensa per i poveri,  per celebrare il V centenario della nascita di S. Felice; lavoreremo per dare accoglienza a una famiglia di profughi secondo il desiderio di Papa Francesco; e molte altre iniziative che avremo la gioia di vivere insieme….
L’evento per eccellenza, tuttavia, al quale ci prepariamo con l’entusiasmo che già palpita nel cuore della Chiesa tutta, è il grande Giubileo straordinario della Misericordia, voluto fortemente dal Papa, per riaffermare  con forza non solo che Dio è amore, ma che il perdono è l’unica strada da percorrere per incontrarlo nella nostra vita. Scrive infatti Papa Francesco nella bolla d’Indizione dell’Anno Giubilare: “Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza. Misericordia: è la parola che rivela il mistero della SS. Trinità. Misericordia: è l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro. Misericordia: è la legge fondamentale che abita nel cuore di ogni persona quando guarda con occhi sinceri il fratello che incontra nel cammino della vita. Misericordia: è la via che unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre nonostante il limite del nostro peccato”.  
Ecco tracciato il percorso, ecco le indicazioni per viverci nella verità: guardare il fratello con occhi sinceri! So che è difficile, ma se saremo docili all’azione dello Spirito Santo, sarà Lui stesso a plasmarci fino a diventare “perfetti nell’unità”.
Dio vi benedica! Buon Anno Pastorale! Buon cammino. Vi voglio bene.